Yooka-Laylee: un platform rétro – Recensione

Sapori di una volta.

Yooka-Laylee è un platform realizzato da Playtonic Games (una costola di Rare), con il preciso intento di riprendere lo stile di classici come Donkey Kong 64 e, soprattutto, Banjo-Kazooie. Il gioco è coloratissimo, i personaggi sono un’accozzaglia illogica di animali e oggetti animati e lo scopo del gioco è la raccolta compulsiva di pagine e collezionabili. Qualcuno ha detto anni ’90?

Trama

Yooka è un simpatico camaleonte e Laylee è la sua inseparabile amica pipistrella dalla risposta sempre pronta. Il malefico Capital Bee (un’ape, chi l’avrebbe mai detto!), a capo della malvagia ditta Torri d’Alveorio srl sta cercando di impadronirsi dei libri di tutto il mondo per avere il monopolio sulla narrazione. Spetterà a noi, nei panni di Yooka e Laylee, fermarlo. Per farlo sarà necessario recuperare le pagine (nel gioco chiamate pagie) dorate sparse per i vari Bibliomondi e nell’edificio della ditta. Non devo dirvi io che si tratta solo di una scusa per portarvi a spasso e farvi esplorare i 5 Bibliomondi. I personaggi sono generalmente simpatici ed estremamente vari (si va dai pupazzi di neve fino ai carrelli della spesa), forse un po’ male assortiti. Molto simpatica la frequente rottura della quarta parete, meno le battute di Laylee che, superati i primi 5 minuti, risultano stantie.

Gameplay

In Yooka-Laylee la risoluzione di enigmi ambientali e il platforming si fondono per creare un gameplay impegnativo ma soddisfacente, che scade veramente solo dopo molte ore. Alle abilità di base, quali salto e colpo di coda, si aggiungono una serie di abilità acquistabili (e non) che ci verranno insegnate da Trowzer, simpatico serpente che indossa un pantalone in modo abbastanza singolare. Si, dev’essere più simpatico in inglese ‘sto gioco. Le abilità che ci offre Trowzer estendono di molto le nostre possibilità ed alcune (vedi il volo, per fortuna sbloccabile solo a gioco quasi finito) sono decisamente op. Esplorare i livelli per trovare le pagie risulta divertente in prima battuta, tuttavia le pagine sono necessarie per sbloccare i mondi. Viene da sé che se non si trovano abbastanza pagine subito (cosa che succede praticamente sempre), bisogna ripetere l’esplorazione ad oltranza. Frustrante.

Gli enigmi vanno affrontati combinando opportunamente le varie abilità. Tra queste, quella che sicuramente viene sfruttata di più è la capacità di Yooka di ingerire e sputare fuoco, acqua, ghiaccio e bombe. Il platforming è veramente impegnativo e un errore rischia di costare 20 minuti di gioco (Dark Souls chi?). Sebbene il gioco richieda impegno in ogni sua fase, è nelle boss fight che si dimostra davvero difficile. Sconfiggere un boss prende dai 15 ai 40 (QUARANTA) minuti, ovviamente contando i vari tentativi. Insomma, non fatevi ingannare dall’aspetto colorato e giocoso: Yooka-Laylee non è un gioco per bambini. Ci sono infine i coin-op di Rextro, simpatico dinosauro da sala giochi, che al modico prezzo di un gettone ci permetterà di giocare e vincere due pagie in ogni mondo.

Comparto Tecnico

Yooka-Laylee non spicca per realizzazione tecnica. La grafica cartoon si fa apprezzare nel corso dell’avventura, pur non sprigionando grande potenza. La resa dei mondi è piacevole e, sebbene un paio siano un po’ piatti, l’esplorazione è comunque apprezzabile. I modelli dei personaggi sono belli e caratteristici e in generale si vede l’attenzione al dettaglio. Le musiche sono azzeccate, tuttavia restano molto sullo sfondo e non c’è mai nulla che si faccia ricordare. Non tutte le tracce audio sono registrate bene però e alcune gracchiano palesemente. Infine i comandi sono estremamente responsivi, come si conviene ad un platform.

 

Yooka-Laylee è un gioco d’altri tempi per giocatori d’altri tempi. Dietro una maschera colorata e infantile si nasconde un gioco dalla difficoltà non indifferente. Nonostante alcuni difetti tecnici e determinate scelte poco felici (leggi “Laylee è insopportabile vi prego aggiungete un’opzione per mutarla”) questo è uno dei pochi esponenti di un genere ormai ai margini del mercato e non lo rappresenta affatto male. Un must per gli amanti dei platform, una buona opzione per chi ama le sfide.

0.00
7

Trama

7.0/10

Gameplay

8.0/10

Comparto Video

7.5/10

Comparto Audio

5.5/10

Pros

  • Gameplay responsivo e divertente
  • Aspetto accattivante
  • Una marea di collezionabili...

Cons

  • ...alcuni necessari per progredire
  • Audio registrato male
  • Esplorazione che rischia di diventare frustrante se non si trovano subito le pagine necessarie

Michele Miranda

Ho 19 Anni, studio informatica e fin dall'infanzia mi appassionano i videogiochi, la fantascienza e i fumetti Marvel (soprattutto quelli che parlano di supereroi in calzamaglia rossa e blu con uno zio morto di nome Ben).