WWDC 2013: una nuova rinascita per iOS

Sono ormai anni che Apple ci lascia a bocca aperta con i suoi Keynote, come ad esempio quello del 2007, dove presentò il primo modello di iPhone, o ancora al Mac World 2008, in cui venne presentato “The world’s thinnest notebook”, ovvero il MacBook Air. Ma da altrettanto tempo c’è una cosa che non è mai cambiata, anche nei salti generazionali: l’interfaccia utente. Infatti, siamo abituati a vedere tutti i giorni o quasi l’UI di iOS5 o iOS6, e, a coloro a cui piace uno stile particolarmente minimale, starà sicuramente antipatico lo stile molto scheumorfico (coloro che non hanno sentito mai parlare di questo termine possono dare un’occhiata a questo artciolo), senza contare quella bombatura data dagli effetti di luce che nemmeno Platinette. Vuoi che sia perchè il minimalismo piace a Ive, vuoi perché questi lamenti sono arrivate a Cupertino, iOS è stato redisegnato dalla A alla Z, l’unica somiglianza che si può trovare con le versioni precedenti è solo nei bordi arrotondati delle icone delle App.

Ecco qui sotto qualche screenshot con una breve descrizione:

 

Qui possiamo notare la home con il nuovo stile minimale, formato da icone di app composte da una sfumatura con l’overlay dell’immagine
i Toggle, nuova funzione di iOS, che permette di accedere velocemente alle impostazioni più importanti dell’iDevice
L’app messaggi. Possiamo notare come essa sia molto simile ad una via di mezzo tra quella per device Windows Phone e quella su Android

Come abbiamo potuto vedere, il restyling si fa sentire in tutte le app, e non solo nei menù. Da ciò possiamo dedurre che anche gli sviluppatori si impegneranno a rispettare i nuovi canoni imposti da Apple, per non creare troppa confusione agli utenti; per cui è lecito aspettarsi un rinnovamento delle app più importanti come Facebook, Twitter, ecc…

Non solo design…

Eh già, perchè c’è da dire che sono state aggiunte diverse funzionalità al sistema operativo, come ad esempio iTunes Radio, una radio in streaming per sentire la tua musica preferita, che tra l’altro la sceglie in base a quella che ascolti. Poi come abbiamo già citato ci sono i Toggle, che servono per facilitare l’accesso a diverse impostazioni dell’iDevice, o ancora AirDrop, app disponibile solo su iPhone 5, che serve a condividere i contenuti tra iPhone, iPad, iPod e Mac.

…e non solo iOS!

Bisogna aggiungere però che al WWDC di quest’anno non si è parlato solo di iOS7: sono stati presentati anche i nuovi MacBook Air, che non portano con loro nessun cambiamento estetico, sono solo stati muniti dei nuovi processori Haswell con GPU integrata Intel HD5000, ed i nuovi Mac Pro, di forma cilindrica e davvero molto più piccoli rispetto agli attuali. Ad accompagnare i suddetti, ci sarà OSX Maverick, erede di Mountain Lion, che essendo stato progettato da Ive a livello di GUI, abbandona anch’esso lo scheumorfismo a favore di un design più semplice e colorato, almeno nelle app come Calendario ecc…

Sia iOS7 che OSX 10.9 Maverick sono previsti per quest’autunno, ma la beta del primo è già disponibile al download per coloro che possiedono un account da sviluppatore Apple.

E voi che ne pensate? Vi sono piaciuti i nuovi prodotti Apple? Fateci sapere la vostra nei commenti!

Rinaldo Coccia

Studente di giorno, nerd di notte, sconfiggo le forze malefiche del Blocco del Moltiplicatore e overclocko qualsiasi cosa mi capiti sottotiro. Amante della pizza, delle Macro, del dormire e del minimalismo ;D Sono anche un webdesigner, se vuoi fai un click qui sotto!

Lascia un commento