Radeon Serie R7 ed R9, Scopriamo le Nuove GPU di AMD Per il Gaming

AMD e’ sempre riuscita, seppur con qualche passo falso, a ritagliarsi una buona fetta di mercato nel campo dei microprocessori e soprattutto di chip grafici capaci di raggiungere prestazioni davvero elevate.
Da poco la casa di Sunnyvale ha rilasciato sul mercato una nuova serie di schede video, abbandonando la vecchia nomenclatura in favore di una completamente nuova denominata R-200, in cui la R e’ seguita da un numero che le identifica in base alla fascia di prestazioni: 5 per le schede di fascia bassa,7 per quelle di fascia media e 9 per la fascia alta.
il 2 determina poi la serie,mentre le due cifre successive servono per distinguere le prestazioni delle varie schede all’interno della fascia in cui la GPU si colloca.
radeon articolo

Premessa: in questa analisi non prenderò in considerazione le schede della fascia R5, sia perché le informazioni in merito non sono moltissime, sia perché credo che quello che interessa alla maggior parte di voi sia il gaming più o meno spinto, e le R5 sicuramente non sono indicate per questo tipo di utilizzo.
Analizzeremo quindi le soluzioni che AMD ci propone partendo dal basso e salendo via via di prestazioni e, di conseguenza, di prezzo.

SERIE R7

R7 240: La prima entry level della serie R7,ad un prezzo di uscita di circa 69 dollari questa scheda sarà equipaggiata con 320 stream processors, 20 TMUs e 8 ROPs, 2 GB di VRam DD3 a 900 MHz (1800 effettivi) , un clock base di 730 MHz che arrivano a 780 in modalità Turbo, e un’interfaccia di memoria a 128 bit.

R7 250: Altra entry level di casa AMD, il modello reference potrà contare ancora su 1 oppure 2 Gb di memoria a 1150 MHz questa volta  però GDDR5, che porta la frequenza totale delle RAM a 4600 Mhz, e un bus a 128 bit.
La scheda sarà dotata poi di 384 processori stream, 24 TMUs e 8 ROPs.
Il clock del chip e’ settato a 1000 Mhz ed e’ capace di salire di altri 50 MHz quando la GPU entra in modalità Turbo.
Il prezzo della scheda si attesta sugli 89 dollari.

R7 260X: Il salto di qualità dalla 250 e’ davvero notevole, questa scheda da 139 dollari e’ equipaggiata infatti con 2 Gb di memoria GDDR 5 a 128 bit, che lavorano ad una frequenza di ben 1625 MHz (effettiva 6500 MHz).
La scheda presenta 896 stream processors (un netto salto in avanti rispetto ai 384  dell’R7 250) con 56 TMUs e 16 ROPs.
Il tutto lavora ad una frequenza base di 1100 MHz e che aumenta dei soliti 50 MHz quando la modalità Turbo e’ attiva.

 

Il design reference di AMD per la serie R200
Il design reference di AMD per la serie R7

SERIE R9

Da qui in avanti iniziamo ad analizzare le schede video per il gaming ad alti livelli pensate da AMD per i videogiocatori più esigenti.
Fino ad’ora sono state rilasciate solo due schede di categoria R9,e altre due sono state annunciate ma la data di uscita ed il prezzo sono ancora incognite.

R9 270X: La AMD Radeon R9 270X e’ il modello più economico delle R9.
Il prezzo di listino e’ infatti di 200 dollari, pensata per tutti quei giocatori che non hanno budget elevatissimi ma che necessitano di una VGA che garantisca prestazioni di tutto rispetto.
La 270X e’ sostanzialmente un rebrand dell’eccellente Radeon HD7870, dalla quale riprende praticamente tutte le specifiche.
Il numero degli stream processors e’ di 1280, con 80 TMUs e 32 ROPs, e il clock della gpu e’ di 1 GHz.
Della 7870 riprende anche la quantita di VRAM, 2GB in GDDR5, differendo però dalla sorella gemella per la frequenza di queste ultime, 1400 MHz (5600 MHz effettivi) per la 270X contro i 1200 MHz (4800 MHz effettivi) della 7870.
Identica invece l’interfaccia di memoria, 256 bit sia per la 270X che per la 7870.

R9 280X: Come nel caso precedente anche qui ci troviamo di fronte ad una “vecchia” scheda della serie 7000 rimarchiata, nello specifico la 280X e’ un rebrand della potentissima HD7970.
Identico il numero di stream processors, 2048 per entrambe le schede, come quello di TPUs e ROPs rispettivamente 128 e 32 per tutte e due le VGA.
Anche la memoria e’ la stessa, di 3GB GDDR5 su di un bus a 384 bit.
Differiscono tuttavia per il clock della GPU, di 850 MHz per la 280X e di 925 per la 7970, e per la frequenza delle VRAM, 1500 MHz per la 280X e 1375 MHz per la 7970, per delle frequenze effettive di 6000 MHz per la prima e 5500 MHz per la seconda.
Il prezzo dell’R9 280X e’ fissato per 300 dollari.

Sebbene questi due rebrand di precedenti VGA siano le uniche della serie R9 ad essere uscite fino a questo momento, altre due schede, completamente nuove, dovrebbero arrivare sul mercato entro questo autunno, ovvero l’R9 290 e l’R9 290X.

R9 290: Se la già potentissima R9 280X non dovesse bastarvi,questa GPU potrebbe fare al caso vostro.
I numeri di questa scheda sono veramente altissimi, 2560 stream processors, 160 TMUs e 64 ROPs, con un clock totale di 800 MHz che può ricevere un boost fino a 947 MHz.
In quanto a memorie dovrebbe montare 4GB di VRAM GDDR5 lavoranti a 1250 MHz per una frequenza generale di 5000 MHz, il tutto contornato da un bus a 512 bit.
Il prezzo ancora non e’ stato svelato, ma pare che potrebbe aggirarsi attorno ai 500 dollari, che nonostante di certo non siano pochi, per una scheda di queste proporzioni non sono certo esagerati.

R9 290X: Denominata dalla rete come: “Titan killer“, questa VGA promette di diventare la miglior scheda video a singola GPU per gaming attualmente sul mercato.
2816 stream processors, 176 TMUs e 64 ROPs, il tutto contornato da 4GB di memoria GDDR5 a 1250 MHz (5000 effettivi) su bus a 512 bit e un clock di 1000 MHz.
Il prezzo dovrebbe essere di circa 600 dollari, più che accettabili visti i numeri di questa scheda che, come pare da diversi benchmark, sia in grado di battere l’ammiraglia di casa Nvidia: la Titan.

r9 reference articolo
Questo invece e’ il dissipatore reference per la serie R9

Tutte le schede video citate godranno del pieno supporto alle DirectX 11.2, OpenGL 4.3 e Mantle, una nuova tecnologia proprietaria di casa AMD simile alle API per console che ottimizzerà le prestazioni dei giochi che la supportano, faciliterà i porting dalle console next gen e andrà a migliorare la resa grafica ma anche sonora allegerendo il carico da affidare alla CPU.
Il primo titolo che farà uso di Mantle sarà l’attesissimo Battlefield 4, e a detta di chi ha avuto modo di vederlo in azione con questa tecnologia il risultato dovrebbe essere qualcosa di strabiliante.

Nonostante sia composta in buona parte da rebrand, quindi, questa nuova serie di schede AMD sembra essere composta da prodotti estremamente performanti e aggressivi nel prezzo, e se l’ottimizzazione software fosse davvero così ben fatta come sembra allora queste nuove GPU potrebbero davvero essere una spina nel fianco per la concorrenza.

Matteo Pesci

Ciao a tutti mi chiamo Matteo,sono un ragazzo di 18 anni che condivide con voi una grande passione, quella dei videogiochi. Ho cominciato giocando al mitico Gameboy Color su cui avevo solamente Pokemon Cristallo,in inglese per di più (eh si,sono fiero di dire che ho imparato più inglese coi Pokemon che a scuola). Poi mi sono spostato sulle console fisse con la mitica PSOne,a cui seguì la prima Xbox e successivamente la 360. Da poco sono passato a giocare su PC e quindi mi sto pian piano avvicinando a tutta una serie di giochi che su console si vede raramente,gli indie,e ho cominciato ad interessarmi anche al lato competitivo del gaming,in particolare per quello che riguarda Hearthstone. Spero che i miei articoli vi piacciano e vi possano interessare,Enjoy!

Un pensiero riguardo “Radeon Serie R7 ed R9, Scopriamo le Nuove GPU di AMD Per il Gaming

Lascia un commento