DOOM: il porting su Nintendo Switch dal punto di vista degli sviluppatori

DOOM, il devastante remake del leggendario FPS, giungerà su Nintendo Switch il 10 novembre. Il porting sarà all’altezza delle altre console? Sentiamo cosa ne pensano due sviluppatori.

Dopo tanti annunci, rumors e notizie finalmente ci siamo, il porting di DOOM per Nintendo Switch giungerà finalmente nelle nostre case a partire dal 10 novembre.

Diciamocelo, all’epoca dell’annuncio questo porting ha sollevato non pochi dubbi. Come ormai sanno anche le pietre, Nintendo Switch non è una console (a livello di prestazioni) allo stesso livello delle major Sony e Microsoft, ne tantomeno DOOM è un gioco “leggero”.

Doom

La potenza computazionale richiesta è certamente elevata, il titolo sviluppato da Id Software non si risparmia certamente a livello di: luci, effetti particellari, texture in HD e gameplay frenetico e sappiamo bene che tutto questo si traduce in una richiesta hardware non indifferente, richiesta che carte alla mano Switch non possiede.

Ma in definitiva, DOOM sarà in grado di soddisfare le nostra voglia di affettare demoni, senza dover scendere a troppi compromessi? La risposta a questa domanda ci viene data da due pezzi grossi della Id Software, Hugo Martin (Creative Director) e Marty Stratton (Executive Producer).

Recentemente, i due developer hanno rilasciato un’intervista nella quale parlano appunto dell’impatto di DOOM sulla console ibrida di casa Nintendo. 

L’intervista ha toccato vari punti oltre a quello sopracitato e, svela anche alcuni dettagli di gioco in anteprima, tra cui:

  • tutti i contenuti aggiuntivi finora rilasciati saranno presenti in game.
  • Modalità arcade.

Dal punto di vista delle prestazioni, gli sviluppatori si dicono soddisfatti del lavoro effettuato dal team Panic Button, dichiarando che la fluidità e la giocabilità del titolo è rimasta pressoché inalterata, inoltre il titolo è dovuto scendere a pochi compromessi grafici, il tutto grazie alla grande scalabilità garantita del motore di gioco.

Come sempre ci riserviamo il parere fino a che non avremo testato con mano il titolo, tuttavia le parole dei due sviluppatori ci fanno ben sperare e speriamo che le promesse vangano mantenute

Tommaso Quacquaruccio

Mi diletto con i videogiochi da quando ho memoria. Sono alla costante ricerca di nuovi giochi che sappiano emozionarmi e divertirmi. Fatemi giocare a tutto tranne che ai moba!

Lascia un commento