Android: Xafecopy, il malware che ti deruba senza chiedere nulla

Xafecopy sembra trovarsi in alcune app di risparmio energetico ed è capace di registrarsi a servizi di abbonamento e molto di più!

La nuova minaccia per i sistemi Android arriva dall’Asia, proprio come le cimici che hanno infestato buona parte dell’Italia durante lo scorso mese. Xafecopy mette in atto procedure di WAP-billing, una pratica già in voga prima dell’avvento degli smartphone. La logica è quella di sottrarre denaro agli utenti, attivando automaticamente dei servizi a pagamento che prevedono canoni settimanali o mensili.

L’infezione sembrerebbe derivare da alcune app di risparmio energetico, che una volta avviate agiscono in background senza dare nessun “alert” all’utente. Si tratta di una minaccia importante, anche perché sembra che il malware riesca persino ad aggirare la necessità di inserire i CAPTCHA o i codici di conferma.

Tutto questo è possibile grazie all’emulazione della pressione sullo schermo. Già ne avevamo parlato in passato di malware con questa capacità come Cloak&Dagger.

L’agenzia G Data, una dei leader nei sistemi di protezione informatica, annuncia che il malware avrebbe già colpito 4.800 persone in 47 Paesi differenti, con il 37,5% degli attacchi localizzati in India.

Qualora foste stati colpiti dal malware, vi toccherà contattare il vostro operatore telefonico al fine di poter bloccare le sottoscrizioni agli abbonamenti in questione. Senza dimenticare ovviamente la possibilità di intervenire a monte, richiedendo di bloccare preventivamente la possibilità di attivazione di questi servizi.

Ancora una volta ci ritroviamo a parlare di attacchi malware contro i nostri compagni fedeli di ogni giorno. Proprio per questo dovremmo cercare di prestare sempre più attenzione a tutte le operazioni che svolgiamo con lo smartphone. Un consiglio è quello, per esempio, di verificare sempre le applicazioni che installiamo e che le richieste siano lecite.

Riportiamo un breve reporto realizzato da G Data in merito clicca qui!

Marco Franzon

Cerco di dare un senso alle cose infinitamente piccole.

Lascia un commento